Blog

Atletica Stadio dei Marmi: cosa occorre sapere?

Atletica Stadio dei Marmi

Quando si parla di stadio a Roma si fa solitamente riferimento allo Stadio Olimpico. In realtà però questo non è l’unico presente in città ma oltre a quello appena citato è anche presente lo Stadio dei Marmi. Dove si trova esattamente e qual è la sua storia? Qui di seguito sarà possibile trovare preziose informazioni.

Stadio dei Marmi

La storia dello Stadio dei Marmi è piuttosto antica e nello specifico la sua costruzione risale agli anni compresi tra il 1928 e il 1932 su progetto dell’architetto Enrico Del Debbio. In realtà si tratta di un impianto sportivo dedicato in particolar modo all’atletica leggera. E quindi a tutte quelle discipline sportive che possono essere suddivise in corse su strada, corse su pista, corsa in montagna e corsa campestre e molto altro ancora. Dove sorge esattamente lo Stadio dei Marmi? Questo è considerato il più prezioso gioiello del Foro Italico e ai tempi della sua costruzione altro non era che l’estensione dell’Accademia fascista maschile di educazione fisica. Li gli allievi erano soliti sottoporsi ai quotidiani allenamenti. In riferimento al suo nome è opportuno precisare che dal 2013 accanto al suo originale nome figura anche quello di Pietro Mennea. Per chi non lo conoscesse è importante precisare che questo è il nome di un famosissimo velocista italiano che per ben 17 anni ha conquistato il record mondiale sui 200 metri piani.

Le statue dello Stadio dei Marmi

Una delle particolarità dello Stadio dei Marmi è quella legata alla presenza di numerose statue offerte dalle provincie d’Italia. Queste sono nello specifico 64 e portano la firma di diversi autori.  Si tratta di statue in marmo bianco disposte a corona intorno allo stadio che fanno pensare ai possenti colossi dell’antichità. Ognuna di queste statue rappresenta uno specifico atleta e ciascuna di queste doveva essere donata da una provincia il cui nome si trova scritto sulla base di ogni scultura. Tra queste vi troviamo ad esempio:

  • Uomo col giavellotto: statua in bronzo del 1932 che porta la firma di Aroldo Bellini;
  • Lanciatore di palla: anche questa è una statua di Aroldo Bellini del 1931 donata dalla Provincia di Potenza;
  • Timoniere: statua di Nicola D’Antino del 1932 donata dalla provincia di Pescara;
  • Ercole: questa statua porta la firma di Silvio Canevari. Risale al 1931 ed è stata donata da Roma;
  • Atleta su barca a vela: statua del 1933 di Eugenio Baroni donata da Venezia.

Potrebbe interessarti anche: Roma monumenti storici: ecco i più importanti

Atletica Stadio dei Marmi
  • Pugilatore in riposo: statua del 1931 di Carlo De Veroli donata da Siracusa;
  • Lanciatore della sfera: statua di Aroldo Bellini del 1931/1932 donata dalla provincia di Macerata;
  • Calciatore in riposo: l’autore di questa statua del 1931 è Carlo De Veroli e a donarla allo Stadio dei Marmi è stata la provincia di Bari;
  • Atleta scalatore: statua del 1933 di Eugenio Baroni donata dalla provincia di Bergamo;
  • Ercole cacciatore: statua di Eugenio Baroni del 1933 donata dalla provincia di Ancona.

Oltre a quelle sopracitate vi sono molte altre statue che portano la firma di altri importantissimi scultori. Tra questi Oddo Aliventi, Libero Andreotti, Antonio Berti, Aldo Buttini, Angelo Biancini, Ercole Drei, Enrico Martini, Francesco Messina ecc.

Richiedi un preventivo gratuito

    Nome e cognome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Cellulare (richiesto)

    Data evento (richiesto)

    Numero di persone (richiesto)

    Richieste particolari

    Autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi della legge 196/2003